Dopo l’ armistizio dell’8 settembre dei 1943 i reparti del Regio Esercito dislocati in Yugoslavia, tra cui la divisione alpina Taurinense, rimasti inizialmente senza ordini e direttive da parte del Governo,  si opposero per libera e unanime scelta  dei soldati  agli ordini  di resa  imposti dai tedeschi   e,  dopo tre mesi di duri combattimenti e perdite,  il 2 dicembre 1943 si costituirono a Pljevlja in Divisione italiana partigiana “Garibaldi”, per proseguire sul fronte partigiano jugoslavo la lotta di liberazione dal nazifascismo.

Erano in tutto circa 20.000 uomini che combatterono in Montenegro, Erzegovina, sud della Serbia e Kossovo,  mantenendo  le caratteristiche di unità dell’esercito italiano, dipendente strategicamente dal Comando supremo italiano ed operativamente dall’Esercito popolare di liberazione della Jugoslavia del Maresciallo Tito.

La Divisione ha storia tragica e gloriosa testimoniata dai 3556 caduti, 5000 dispersi e ben 2166 decorazioni al Valor Militare.

Tra i decorati con la Medaglia d’ Oro al Valor Militare vi è il Sottotenente Villy Pasquali, nato a Pistoia il 10 Febbraio 1914. Laureato in veterinaria nel 1939,  tre anni dopo viene chiamato alle armi e dislocato in Dalmazia con un reggimento di artiglieria alpina della  Taurinense. Cade durante un attacco ad un presidio nemico, il 10 Novembre del 1943.

Il Gruppo Alpini di Pistoia è intitolato a lui.