Si sta svolgendo l’esercitazione “Vardirex 2018” ( Various Disaster Relief Management Exercise)  che vede in attività le squadre della Protezione Civile dell’Associazione Nazionale Alpini e le Truppe Alpine, con la collaborazione del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, dell’Aeronautica Militare e dell’Aviazione dell’Esercito.

L’esercitazione si svolge in 4 località diverse, simulando una alluvione in Piemonte, nella zona di Salmour, vicino a Fossano, un sisma in Abruzzo, a Coppito e un secondo terremoto in Veneto, a Caprino Veronese, che scatena uno smottamento a Ferrara di Monte Baldo e pregiudica la funzionalità degli ospedali della zona.

Una grossa parte delle attività, infatti, sta coinvolgendo proprio la Sanità Alpina, presente in tutti e quattro gli scenari con l’allestimento e l’operatività di Posti Medici Avanzati, Ambulatori e il rischiaramento del “Light Field Hospital” dell’Ospedale da Campo ANA nel territorio di Caprino Veronese.

Anche una squadra della PC della Sezione di Firenze è presente a Coppito (AQ) , operando al fianco del Battaglione Alpini multifunzionale “Vicenza”, in organico al 9° Reggimento, e tra i cui scopi vi è proprio l’intervento in caso di calamità naturali.

Un altro passo in avanti verso l’ integrazione tra le unità militari “Dual use” e la Protezione Civile ANA.