Palazzuolo sul Senio è un incantevole borgo di circa 1200 abitanti,tra i monti dell’ Appennino Tosco-Romagnolo, in Provincia di Firenze in quello che oggi viene chiamato Alto Mugello, un tempo conosciuto come la Romagna Toscana (o anche Fiorentina).

Per arrivare a Palazzuolo, si può passare dall’ autostrada A1, uscita Barberino del Mugello e procedere per Borgo San Lorenzo. Prendere la Faentina e quindi salire per il Passo della Colla e da qui proseguire per il Passo della Sambuca.

Da quest’anno Palazzuolo sul Senio è entrato a far par parte dei “Borghi più belli d’ Italia”.

CENNI STORICI

Il Comune di Palazzuolo sul Senio trae la sua origine da un territorio militare di frontiera strappato alla Romagna Bizantina da una tribù longobarda proveniente dal Borgo San Lorenzo di Mugello .

Col periodo feudale, sorsero in questi luoghi i castelli, tutti appartenenti alla famiglia Ubaldini propietari di questi terreni ad esclusione di un breve periodo dove emerse la famiglia dei Pagani.

La più celebre di questa famiglia fu Marzia degli Ubaldini (detta anche Cia). Sposa del signore di Forlì, Francesco II Ordelaffi, e combatté al suo fianco in più occasioni, anche durante la crociata contro i Forlivesì , quando difese eroicamente la città di Cesena. La voce popolare vuole che sia proprio Cia (cioè Marzia Ordelaffi) la donna che compare nello stemma del Comune di Palazzuolo.

Nel 1362 il territorio di Palazzuolo entrò a far parte della Repubblica Fiorentina, che rase al suolo tutti i castelli Ubaldini. Con la vicina Firenzuola, costituì il nucleo della Romagna Toscana. Da allora Palazzuolo seguì il destino della Repubblica di Firenze poi Granducato di Toscana.

Particolare curioso, al plebiscito del 1860  per l’annessione della Toscana al Regno di Sardegna i “sì” non ottennero la maggioranza degli aventi diritto (437 su un totale di 996), anzi gran parte degli abitanti non si recò alle urne, sintomo dell’opposizione all’annessione.