Nei giorni scorsi i territori della nostra Sezione sono stati attraversati dall’ Alpino Paracadutista Alessandro Bellière, noto a molti come lo “squalo”, che ha deciso di chiudere la sua attività podistica con l’ ennesima sfida , ovvero percorrere in 5 mesi circa 4.250 km, partendo il 28 maggio da Genova, per arrivare a Palermo il 24 ottobre 2018, giorno del suo  85esimo compleanno.

Nel suo percorso, Alessandro ha fatto tappa a Firenzuola, Borgo San Lorenzo, Londa, Firenze, Incisa, Montevarchi, Arezzo, Monterchi, Città di Castello, prima di entrare nelle Marche.

Ritransiterà poi in Umbria, passando da Gualdo tadino, Perugia, Cannara, Montefalco, Spoleto, Monteleone, tra il 1 e il 7 Agosto.

Una impresa che suggella una carriera fatta di tante altre “sfide” affrontate e vinte in passato.

Alessandro Bellière nasce a Parma il 24 ottobre 1933, bolognese da 60 anni, ora residente a Molinella (BO).

Svolge il servizio militare a Bressanone, nel plotone degli alpini paracadutisti nella Brigata Tridentina, la prima Brigata alpina a inquadrare questo tipo di formazione.

La grande passione per lo sport lo porta negli anni ’50 a diventare un atleta nazionale di atletica leggera, disciplina fondo, e successivamente marcia, partecipando a varie gare nazionali ed internazionali, senza con questo abbandonare il paracadutismo, tanto che nel giorno del compimento dei suoi 65 anni effettua alcuni lanci col paracadute presso l’aeroporto di Molinella (BO).

All’ arrivo delle sue tappe in terra Toscana e Umbria, come peraltro anche nelle altre tappe per la penisola,  è stato accolto oltre che dalle autorità locali, anche dai membri dell’ Associazione Nazionale Paracadutisti e  dai Gruppi Alpini delle località dove ha fatto sosta, come si vede nelle foto.

Buona Camminata Alessandro  e “Mai Strack” !