Tra il Marzo e il Giugno 1944, le forze aeree alleate scatenarono l’ operazione “Strangle”,  ovvero la serie di bombardamenti mirati a colpire le linee di comunicazione in Italia centrale, dall’ Appennino fino a Roma, al fine di ridurre drasticamente i rifornimenti alle truppe tedesche che contrastavano quelle alleate a Anzio e Cassino.

Uno degli obbiettivi fu anche il viadotto della linea ferroviaria “Porrettana”  a Piteccio (PT) , che fu attaccato a mezzogiorno del 28 Aprile del 1944 dai bombardieri alleati. Il ponte riportò solo lievi danni (verrà  messo fuori uso solo in successivi attacchi aerei, per poi essere distrutto definitivamente dai genieri tedeschi durante la ritirata nel Luglio dello stesso anno) ma il paese sottostante subì gravissimi danni, con la morte di 38 civili.

Ogni anno il Gruppo Alpini Alta Valle Ombrone Pistoiese che ha sede proprio in Piteccio, assieme ad altre associazioni locali organizza per il 28 Aprile la commemorazione di quei tragici eventi, a cui partecipano le più alte cariche religiose e pubbliche di Pistoia, e che ha il suo culmine con la lettura dei nomi dei caduti di quella giornata.

Un ‘ altro monito per le generazioni future sugli orrori della guerra.